FLEPAR Inail formula proposte operative per una PA a servizio di cittadini ed imprese, a sostegno del mondo impresa-lavoro e delle PMI. Sviluppa le competenze interdisciplinari dei professionisti pubblici per riforme: PA, sicurezza sul lavoro, giustizia, legalità, prevenzione della corruzione.

Ad attività sindacale FLEPAR affianca una intensa attività propositiva e di studio, fornendo contributi in materie strettamente correlate ai compiti istituzionali Inail: si pone come un laboratorio di idee e progetti caratterizzato da un approccio concreto, frutto dell'esperienza diretta sul campo.

Associazione apolitica e senza scopo di lucro, con carattere sindacale, col fine di tutelare interessi giuridici, economici, e funzione, professionalità, dignità e autonomia dei Professionisti Inail.
Interlocutore sindacale dell'Amministrazione, siede con piena legittimazione a tutti i tavoli sindacali.

Nel corso della storia di FLEPAR Inail abbiamo compreso che non sempre è sufficiente avere una buona idea, svilupparla e proporla nelle giuste sedi ma è altrettanto importante la modalità con la quale questa iniziativa viene veicolata e comunicata. Ci siamo resi conto che una comunicazione adeguata e moderna costituisce un valore aggiunto.

FLEPAR INAIL

FLEPAR INAIL è nata a Roma nei primi anni '80 quale associazione apolitica e senza scopo di lucro, con carattere sindacale, il cui fine è quello di tutelare gli interessi giuridici, morali ed economici, nonché la funzione, professionalità, dignità e autonomia degli Avvocati dell’INAIL e, più in generale, degli avvocati degli Enti Previdenziali.

Negli ultimi anni l’ambito di azione e la platea degli associati si sono significativamente ampliati estendendosi ai Professionisti Tecnici (ingegneri, biologi, geologi, attuari, informatici, architetti, chimici) e da ultimo ai Professionisti Sanitari non Medici.

Per il perseguimento di tali scopi, l’Associazione agisce come interlocutore sindacale dell’Amministrazione essendo federata, unitamente alle Associazioni degli altri Enti assicurativi e previdenziali, alla Federazione degli Enti Parastatali – FLEPAR, dotata di rappresentatività.

L’Associazione opera su tutto il territorio nazionale con delegazioni regionali coincidenti con le Direzioni Regionali dell’Istituto. Ha rappresentatività sindacale e conseguentemente può sedersi con piena legittimazione a tutti i tavoli sindacali, sia a livello centrale che a livello regionale tramite i propri delegati.

Come accennato, a seguito dell'unificazione tra API e FLEPAR INAIL, avvenuta in data 28 novembre 2013, quest’ultima oggi si pone quale Associazione degli Avvocati e Tecnici INAIL, al fine di rappresentare unitariamente al Tavolo sindacale tutti i Professionisti Avvocati e Tecnici, dando così maggior risalto alla funzione delle Consulenze nel loro insieme. Negli ultimi mesi l’ingresso dei nuovi associati Professionisti Sanitari non medici (infermieri, tecnici di radiologia e fisioterapisti) ha di fatto completato la compagine associazione che oggi ricomprende le professionalità tecniche altamente qualificate.

A dicembre 2014 la FEDERAZIONE FLEPAR (a seguito dell’adesione anche da parte dell’Associazione Avvocati INPS) ha aderito a livello confederale alla CODIRP (Confederazione dei Dirigenti della Repubblica), che oltre a FLEPAR, riunisce UNADIS, DIREL, FASSID ed ora anche Anmi – Femepa (Associazione rappresentativa dei Medici INPS).

All’attività sindacale, tesa alla salvaguardia dei diritti e delle prerogative dei propri iscritti, FLEPAR INAIL affianca una intensa attività propositiva e di studio, fornendo il proprio contributo nelle materie strettamente correlate ai compiti istituzionali dell’Istituto, ma più in generale nelle materie di riforma del Paese (PA, Giustizia, Sicurezza sul lavoro) volendo porsi come un laboratorio di idee e progetti caratterizzato da un approccio concreto, frutto dell’esperienza diretta sul campo.

Nel corso degli ultimi anni, l’Associazione ha predisposto documenti, acquisiti dalla Commissione Bicamerale di Controllo degli Enti Pubblici Previdenziali, con cui ha sostenuto, nell’ambito dei progetti parlamentari di riorganizzazione degli enti pubblici, la realizzazione di un Polo Salute e Sicurezza caratterizzato dalla centralità del ruolo dell’INAIL e dei suoi professionisti Avvocati Tecnici e Sanitari.

In particolare, l’Associazione ha valorizzato e sostenuto la grande opportunità dell’Istituto di assumere un ruolo centrale nella materia della sicurezza sul lavoro e nella prevenzione degli infortuni al fine di garantire indirizzi omogenei di tutela e di prevenzione su tutto il territorio nazionale.

Al fine di garantire una visione sistematica sui temi della prevenzione, l’Associazione ritiene preliminare la valorizzazione e potenziamento di quell’approccio multidisciplinare garantito all’interno dell’Ente dalla polivalente componente professionale che caratterizza l’Istituto Assicurativo pubblico. Multidisciplinarietà che è ormai alla base di tutti gli studi, approfondimenti scientifici e programmatici che il mondo professionale in generale sta affinando nella materia delle prevenzione e della sicurezza sul lavoro.

A tal fine l'Associazione si è fatta promotrice anche delle costituzione dei “Nuclei Interprofessionali” che raggruppano le varie consulenze dell’Istituto,  progetto che sta già trovando attuazione in alcune regioni “pilota”.

La FLEPAR INAIL ha, inoltre, partecipato con documenti e proposte ai tavoli tecnici presso il Ministero della Giustizia contribuendo al confronto che ha portato al decreto legge 132/2014 “Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile” convertito dalla Legge 162/2014.

Sui temi della riforma della PA la FLEPAR INAIL ha reso audizioni davanti alle Commissioni Parlamentari (Giustizia e Affari Costituzionali) competenti nell’iter di approvazione del decreto legge 90/2014 “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l'efficienza degli uffici giudiziari” convertito dalla legge 114/2014.

L’accennata attività di proposta e di elaborazione progettuale è stata accompagnata da un’intensa e qualificata attività formativa che l’Associazione ormai da diversi anni svolge d’intesa con la Scuola Superiore dell’Avvocatura, diretta espressione del Consiglio Nazionale Forense.

I seminari e gli incontri di studio organizzati sul territorio nazionale, aventi ad oggetto specificatamente la materia degli infortuni sul lavoro e della malattie professionali, sono uno strumento qualificato e costruttivo per consentire un confronto tra Avvocati pubblici e del libero foro, utili al conseguimento di crediti formativi necessari per l’assolvimento dell’obbligo di formazione continua.