FLEPAR Inail formula proposte operative per una PA a servizio di cittadini ed imprese, a sostegno del mondo impresa-lavoro e delle PMI. Sviluppa le competenze interdisciplinari dei professionisti pubblici per riforme: PA, sicurezza sul lavoro, giustizia, legalità, prevenzione della corruzione.

Ad attività sindacale FLEPAR affianca una intensa attività propositiva e di studio, fornendo contributi in materie strettamente correlate ai compiti istituzionali Inail: si pone come un laboratorio di idee e progetti caratterizzato da un approccio concreto, frutto dell'esperienza diretta sul campo.

Associazione apolitica e senza scopo di lucro, con carattere sindacale, col fine di tutelare interessi giuridici, economici, e funzione, professionalità, dignità e autonomia dei Professionisti Inail.
Interlocutore sindacale dell'Amministrazione, siede con piena legittimazione a tutti i tavoli sindacali.

Nel corso della storia di FLEPAR Inail abbiamo compreso che non sempre è sufficiente avere una buona idea, svilupparla e proporla nelle giuste sedi ma è altrettanto importante la modalità con la quale questa iniziativa viene veicolata e comunicata. Ci siamo resi conto che una comunicazione adeguata e moderna costituisce un valore aggiunto.

Giurisprudenza

Cassazione penale sez. IV, 27 maggio 2011, n. 38879

27 Mag 2011
Cassazione penale sez. IV, 27 maggio 2011, n. 38879  Si segnala la sentenza in particolare per i seguenti enunciati  (OMISSIS) la giurisprudenza di questa Corte, elaborata sulla scorta delle ulteriori acquisizioni della letteratura scientifica sul tema, ha ravvisato nella prolungata esposizione alle fibre di amianto, anche se risalente a periodo anteriore all'assunzione della diretta responsabilità dell'azienda dell'imputato, (quantomeno alla stregua di concausa) un incontestabile influenza sullo...

Cassazione penale sez. IV 12 maggio 2011 n. 35204

12 Mag 2011
Cassazione penale sez. IV 12 maggio 2011 n. 35204  La sentenza si segnala in particolare per i seguenti enunciati  (OMISSIS) La declaratoria di estinzione del reato per intervenuta prescrizione comporta invece la necessità di esaminare le doglianze del ricorrente ai soli effetti delle disposizioni e dei capi della sentenza che concernono gli interessi civili (art. 578 cod. proc. pen.).  (OMISSIS) poichè la normativa antinfortunistica risulta finalizzata a tutelare il lavoratore anche in ordine...

Cassazione penale sez. III, 31 marzo 2011, n. 20502

31 Mar 2011
Cassazione penale sez. III, 31 marzo 2011, n. 20502  Si segnala la pronuncia in particolare per i seguenti enunciati:  (omissis) E' incensurabile sul piano logico, infatti, l'affermazione della Corte di appello di Torino che in sede di rinvio ha ritenuto insuperabile l'assenza di autopsia o di altra perizia medica sulla vittima nonchè di perizia sul mezzo per addivenire a certezze probatorie sulla eziologia dell'evento. Ed è senz'altro convincente sul medesimo piano la considerazione secondo cui tali...

Cassazione penale sez. IV, 25 marzo 2011, n. 32119

25 Mar 2011
Cassazione penale sez. IV, 25 marzo 2011, n. 32119  La sentenza si segnala in particolare per i seguenti enunciati (OMISSIS) Come già evidenziato in molteplici decisioni, se è vero che per i lavori svolti in esecuzione di un contratto d'appalto incombe sull'appaltatore quale datore di lavoro (per aver assunto l'onere dell'organizzazione del lavoro con propri mezzi e con maestranze da lui stesso assunte) l'obbligo primario dell'osservanza delle disposizioni antinfortunistiche, non è peraltro men vero che sia...

Consiglio di Stato 15/03/2011 n. 1081

15 Mar 2011
REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sezione Prima Adunanza di Sezione del 23 febbraio 2011 NUMERO AFFARE 00678/2010

Cassazione penale Sez. IV, 15 marzo 2011, n. 16311

15 Mar 2011
Cassazione penale Sez. IV, 15 marzo 2011, n. 16311  La sentenza si segnala in particolare per i seguenti enunciati:  (OMISSIS) Secondo la univoca giurisprudenza di questa Corte sul punto (cfr., tra le altre, Cass., Sez. 4, Sent. n. 49819 del 5.12.2003) il dato normativo consente di distinguere un datore di lavoro in senso giuslavoristico da uno o più datori di lavoro (sussistendo distinte unità produttive) in senso prevenzionale. E evidente che la responsabilità del soggetto preposto alla direzione dell...

Cassazione civile sez. lav. 09 marzo 2011 n. 5548

09 Mar 2011
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. LAMORGESE Antonio - Presidente - Dott. STILE Paolo - rel. Consigliere - Dott. NAPOLETANO Giuseppe - Consigliere - Dott. CURZIO Pietro - Consigliere - Dott. BERRINO Umberto - Consigliere - ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 13537/2007 proposto da: Z.V., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA LUIGI LUCIANI 1, presso lo studio dell'avvocato MANCA BITTI DANIELE, rappresentato e difeso...

Cassazione civile sez. lav. 03 marzo 2011 n. 5134

03 Mar 2011
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. ROSELLI Federico - Presidente - Dott. AMOROSO Giovanni - Consigliere - Dott. BANDINI Gianfranco - Consigliere - Dott. MANCINO Rossana - rel. Consigliere - Dott. TRICOMI Irene - Consigliere - ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 13983/2007 proposto da: I.N.A.I.L - ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO, in persona del legale rappresentante pro tempore...

Cassazione penale sez. IV, 24 febbraio 2011, n. 12027

24 Feb 2011
Cassazione penale sez. IV, 24 febbraio 2011, n. 12027  La pronuncia si segnala in particolare per i seguenti enunciati (OMISSIS) Come affermato più volte, la delega di funzioni, di per sè, non comporta sempre e comunque l'esonero di responsabilità del datore di lavoro, essendogli, infatti, per esplicita indicazione normativa (contenuta ora nel D.Lgs. n. 81 del 2008, art. 16, comma 3, che ha recepito il pregresso consolidato orientamento di questa Corte), pur sempre imposto l'obbligo di vigilare costantemente...

Cassazione civile sez. lav. 10 febbraio 2011 n. 3227

10 Feb 2011
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio - Presidente - Dott. LA TERZA Maura - Consigliere - Dott. IANNIELLO Antonio - Consigliere - Dott. BANDINI Gianfranco - Consigliere - Dott. MANCINO Rossana - rel. Consigliere - ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso proposto da: I.N.A.I.L - ISTITUTO NAZIONALE PER LLASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO, in persona del legale rappresentante pro ...